Coldiretti Benevento lancia l’allarme della campagna tabacchicola 2010: “I prezzi contrattuali non vengono rispettati da tutti”

pubblicato da entroterra.org il giorno 19 gennaio 2011


“Non tutti rispettano i prezzi contrattuali sottoscritti per la campagna tabacchicola 2010 e c’è un forte ritardo nell’inizio dei ricevimenti per il gruppo varietale 03 (Havana e Ibc)”. E’ questo l’allarme che ha lanciato oggi la Coldiretti Benevento che si è detta “preoccupata per questa situazione”.

“I pochi che hanno  Iniziato i ricevimenti - fanno sapere dall’associazione –  non pagano un prezzo definitivo ma pagano un prezzo in acconto. Il prezzo in acconto dovrebbe valere solo per le cooperative ma per tutti gli altri operatori non soltanto è insostenibile ma è giuridicamente scorretta perché quando c’è il trasferimento di proprietà del bene il prezzo deve essere definito non può essere un prezzo in acconto”.

“Per la campagna 2010 – ha spiegato il direttore della Coldiretti sannita, Luigi Auriemma – sono stati sottoscritti contratti per il tabacco che prevedono un aumento dell’80 % per il Burley e un raddoppio dei prezzi per il gruppo varietale 03 (Havana e Ibc). Parliamo soltanto di queste due varietà perché sono queste che interessano la Campania. A fronte degli aumenti previsti sono iniziate le consegne per quanto riguarda il Burley e l’Havana. Per quanto riguarda il Burley le consegne riguardano ormai circa la metà della produzione stimata e qui dobbiamo registrare che pochi rispettano i prezzi contrattuali sottoscritti le altre si mantengono ben al di sotto”.

Sulla questione è intervenuto anche il presidente Coldiretti Campania, Gennaro Masiello: “L’aumento dei prezzi contrattuali non è sicuramente sufficiente a garantire un adeguato reddito al produttore visto anche l’aumento dei costi di produzione ma deve rappresentare un livello minimo al di sotto del quale non si deve scendere. E’ questa la prima anomalia che denunciamo. Ricordo che un accordo commerciale giuridicamente impegna ambo le parti, chi vende e chi acquista, quindi non può essere disatteso. Chiediamo a tutte le imprese di trasformazione di rispettare pienamente quanto previsto dai contratti”.

Per quanto riguarda il gruppo 03 si denuncia un grande ritardo nell’avvio dei ricevimenti con prezzi ipotizzati molto al di sotto di quanto previsto dal contratto. A questo punto c’è la necessità di andare a mettere in campo tutte le azioni per portare a una giusta trasparenza i rapporti commerciali chiarendo che non è soltanto un problema economico, ma è anche un problema sociale e occupazionale dal momento che se non sono rispettati i contratti sia per il Burley che per i tabacchi scuri molte aziende agricole potrebbero fallire e lo stesso tessuto sociale delle zone tipiche di produzione avrebbe forti ripercussioni negative dal punto di vista occupazionale”.