Agroalimentare: weekend per la promozione delle realtà dell’entroterra

pubblicato da entroterra.org il giorno 6 Giugno 2011


Giugno 6, 2011

L’Università degli Studi del Sannio ospita dal 9 all’11 giugno prossimi il XIX Convegno della Società Italiana di Economia Agro-alimentare, che avrà per tema ‘Sistemi Agro-Alimentari e Nuove Sfide. Competitività, Sostenibilità e Tutela dei Consumatori’. I dettagli del convegno sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa. Sono intervenuti il direttore del Dipartimento SEGIS e presidente del Comitato organizzatore del XIX Convegno SIEA, Giuseppe Marotta, e il presidente della Camera di Commercio di Benevento, Gennarino Masiello. Lo ha comunicato in una nota l’Ente Camerale.

Parallelamente all’evento scientifico, si terrà l’incontro con lo chef Alessandro Borghese che presenterà il suo libro ‘L’abito non fa il cuoco’, venerdì 10 giugno, alle 10, presso la Sala delle Conferenze della Camera di Commercio di Benevento. Modererà il giornalista eno-gastronomico Luciano Pignataro. Interverranno, oltre al presidente dell’Ente camerale, all’assessore all’Agricoltura della Provincia di Benevento, Carmine Valentino, al coordinatore regionale alle Attività produttive, Francesco Massaro, Francesco Piazza, docente di Etica all’Ateneo sannita, Gaetano Pascale di Slow Food Campania, Reodolfo Antonio Mongillo, dell’Istituto per Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità alberghiera ‘Salvatore’ di Castelvenere. Sono previste le testimonianze di aziende locali: Ocone – Agricola Del Monte; Cantina Sociale di Solopaca e Cantina Sociale del Taburno.

“Recuperare i piatti tipici, attraverso l’arte della cucina – ha dichiarato il presidente Masiello – diventa un’azione fondamentale per la valorizzazione delle migliori produzioni. Per questa ragione abbiamo il piacere di ospitare un testimonial d’eccezione come Alessandro Borghese”. L’incontro sarà il momento pubblico del convegno scientifico che richiamerà esperti e studiosi da ogni parte d’Italia.

“Il Convegno – ha spiegato Marotta – vuole essere un’occasione di approfondimento delle strategie competitive in atto nelle differenti tipologie di sistemi agro-alimentari locali, nazionali e comunitari, per fronteggiare, in particolare, tre nuove e fondamentali sfide: la sostenibilità dei modelli di sviluppo, in un’accezione ampia che fa riferimento alla dimensione economica, ambientale, sociale, territoriale e generazionale; la tutela dei consumatori, rispetto ai temi dell’informazione, della conoscenza e dell’agro-pirateria; i cambiamenti negli obiettivi e negli strumenti delle politiche per il settore”.

“La Società Italiana di Economia Agro-Alimentare (SIEA) – informa il comunicato -, società scientifica che vanta tra i propri soci studiosi del mondo accademico, esperti e operatori economici del sistema agroalimentare italiano, organizza, annualmente, un Convegno nazionale che, tradizionalmente, rappresenta un’occasione di confronto tra mondo della ricerca, operatori del settore e decision maker. L’appuntamento scientifico del 2011 costituisce un momento particolarmente importante per la Società, ricorrendo, quest’anno, il ventennale della sua nascita.

L’evento, patrocinato dall’Università degli Studi del Sannio e dall’Associazione Italiana Società Scientifiche Agrarie (AISSA), si svolgerà nell’arco di tre giorni. L’organizzazione scientifica prevede una relazione plenaria e tre relazioni che affrontano, in maniera specifica, i temi trattati in ciascuna delle rispettive sessioni: Modelli di sviluppo sostenibili per l’agro-alimentare; Qualità dei prodotti, tutela dei consumatori e del mercato; Politiche per la competitività dei sistemi agro-alimentari. Sfide e opportunità per il dopo 2013. Ciascuna di queste relazioni sarà seguita da comunicazioni selezionate dagli organi scientifici della SIEA, tra le proposte avanzate dagli studiosi del settore. A completamento di ciascuna sessione ci sarà una breve discussione. A chiudere il Convegno, invece, sarà una tavola rotonda animata dalle testimonianze di imprenditori di eccellenza dell’agro-alimentare delle aree interne della Campania, che operano con successo su mercati nazionali e internazionali”.